ESAME DI STATO – DELIBERATO DEL SINDACATO DEGLI AVVOCATI DI FIRENZE E TOSCANA

ESAME DI STATO – DELIBERATO 24.11.2020
Il Consiglio Direttivo del Sindacato Avvocati di Firenze e della Toscana
riunitosi in data 24 novembre 2020

– considerata la grave situazione in atto creata dalla pandemia Covid-19, dinanzi alla quale, l’intero sistema delle selezioni concorsuali si è dovuto adattare;
– presa lettura del Decreto 10 novembre 2020 del Ministro della Giustizia Buonafede, che differisce l’Esame di Stato per l’abilitazione alla professione forense a date “che saranno indicate nella Gazzetta Ufficiale (IV Serie Speciale) del 18 dicembre 2020”;
– considerata la situazione di estremo disagio imposta agli aspiranti avvocati, sia per l’ulteriore gravosa attesa dei risultati che seguono gli scritti, sia per l’evidente e concreta possibilità di sovrapposizione con la sessione dell’Esame di Stato per l’anno 2021;
– considerata l’importanza per tutti gli iscritti alla sessione di esame 2020 di avere la possibilità di progredire professionalmente ed avere maggiori certezze in relazione allo svolgimento della professione forense ed ai propri progetti di vita;
– rilevato altresì che la circostanza costituisce l’ulteriore prova della urgente necessità di riforma della Legge Professionale del 2012

CHIEDE

– che venga stabilita al più presto una calendarizzazione precisa con indicazione del mese e dei giorni in cui le tre prove scritte si svolgeranno (nell’anno 2021, posta l’impossibilità per l’anno in corso), affinché possa, per tempo, attivarsi un’organizzazione logistica a livello territoriale idonea alla loro tenuta. Predisponendo ed adottando, a tale scopo, tutte le misure relative al distanziamento e sicurezza;
– che sia consentita la partecipazione agli scritti, anche ai praticanti avvocati che abbiano concluso il tirocinio alla data successiva al 7 novembre 2020, i quali a causa dell’emergenza da COVID-19 hanno visto, loro malgrado, vanificata la possibilità di assistere ad un numero di udienze sufficiente per completare il “carnet” necessario per l’accesso agli scritti;
– che, in ogni caso, venga urgentemente ed effettivamente affrontato il tema dell’accesso alla professione forense, mediante la riforma della pratica forense, del farraginoso sistema delle scuole forensi obbligatorie e delle modalità di tenuta dell’Esame di Stato.

Firenze, lì 24 novembre 2020

Il Sindacato degli Avvocati di Firenze e Toscana